Columbra

Riprende la raccolta degli Rsu, attivi Ponticelli e Columbra

Akrea ha ripreso stamattina l’attività di raccolta dei rifiuti nel circuito cittadino, dopo il fermo dell’impiantistica di trattamento, recupero e smaltimento che nei giorni scorsi ha provocato a valle l’interruzione del servizio di rimozione dei rifiuti solidi urbani.

A seguito dell’ordinanza contingibile e urgente n. 1243 emanata ieri dal Commissario straordinario del Comune di Crotone, che riprende l’ordinanza regionale n. 54 del 3 luglio, la discarica di Columbra accoglierà dal 10 al 31 luglio gli scarti di selezione dell’impianto di Ponticelli, al fine di non interrompere il regolare svolgimento di un servizio pubblico essenziale a tutela della salute pubblica.

Nell’ordinanza del Commissario, prefetto Tiziana Costantino, si legge, tra l’altro, che “l’impianto di discarica, ubicato in loc. Columbra del Comune di Crotone, di proprietà della Sovreco Spa, diventa nella circostanza temporale in atto un impianto di rilevante necessità strategica per il Comune di Crotone in questo momento di particolare emergenza igienico sanitaria“.

Le strutture di Ponticelli e Columbra resteranno operative anche nella giornata di domani, domenica, per velocizzare la gestione del ciclo dei rifiuti sul territorio comunale. Da oggi e per i prossimi giorni Akrea dedicherà il massimo sforzo organizzativo per rendere il più possibile efficiente il servizio di raccolta e pulizia delle vie cittadine, con la speranza che anche l’utenza contribuisca con comportamenti adeguati al ripristino del decoro urbano.

Read more

Emergenza rifiuti, si va verso la normalizzazione. Aumentato il volume dei conferimenti

Spiragli di luce sulla situazione rifiuti in città. Le ultime notizie che arrivano dalla direzione dell’Ato provinciale di Crotone fanno ben sperare in una soluzione dell’emergenza che si è venuta a creare nelle ultime due settimane a causa delle criticità delle filiere regionali. 

Nella giornata di domani, infatti, l’impianto di Ponticelli potrà accettare fino a 190 tonnellate di Rsu (circa il doppio del quantitativo attuale), che sommate alle 100 tonnellate di oggi porteranno il totale dei rifiuti trattati a quasi 300 tonnellate. L’aumento del conferimento nella stazione di lavorazione è la diretta conseguenza delle volumetrie riservate alla sola città di Crotone nella discarica di Columbra, dove vengono trasferiti gli scarti di lavorazione. Un risultato ottenuto grazie al lavoro sinergico di Amministrazione comunale e Autorità provinciali, che ci si augura possa dispiegare effetti più durevoli in attesa della revisione dell’intero sistema dei rifiuti calabrese.

Dal canto suo, Akrea si è fatta trovare pronta per organizzare nel modo più efficace il servizio di raccolta. Una task force di oltre cinquanta operatori è all’opera da questa notte per rimuovere dalle strade (incluse le contrade e le periferie) i residui della spazzatura accumulata, provvedendo anche al lavaggio delle stesse.

Gli interventi, che richiedono un impiego straordinario di uomini e mezzi ai quali l’azienda provvederà con risorse proprie, sono stati programmati nella serata di ieri nel corso di una articolata riunione tra dirigenza e personale, appena giunta conferma della disponibilità del maggior volume di conferimento.

Un capitolo a parte, invece, merita la raccolta dei materiali ingombranti. Un fenomeno che ha fatto registrare una crescita considerevole, in particolare nell’ultimo anno, sulla cui natura è in corso un’analisi più approfondita da parte di Akrea poiché incide pesantemente non solo sul decoro urbano ma anche sulle casse dell’azienda pubblica.

Nei prossimi giorni saranno perfezionate le convenzioni con le imprese specializzate nella lavorazione di questa tipologia di rifiuti, per le quali sono necessari idonei adempimenti amministrativi con il Comune.

Appena definiti gli accordi, saranno maggiormente fruibili le isole ecologiche di via Saffo e piazzale della Pace, dove gli utenti – giova ribadirlo – sono invitati a conferire i materiali.

Read more

Il Passaggio della Madonna tra i rifiuti: indecente rappresentazione di sacro e profano. Il rammarico di Akrea

Non ci sono scuse. La spazzatura che campeggia lungo le strade durante il Passaggio della Madonna è una cornice indegna del Quadro venerato da secoli dai fedeli crotonesi, poiché violenta il sentimento popolare e le tradizioni religiose e culturali di un’intera comunità.

Di questo degrado Akrea si scusa pubblicamente con i cittadini, con il clero e con le istituzioni. Amministratori e operatori, pur non risparmiandosi in questi frangenti di emergenze varie, sono consapevoli e si fanno portatori del grave disagio che sta vivendo la città.

E’ un’ammissione di responsabilità che tuttavia dovrebbe far riflettere tutti. Se è vero che il problema dei rifiuti è sistemico nella nostra regione, è anche vero che alle soluzioni già individuate per razionalizzare i processi si devono accompagnare, da subito, misure idonee e coerenti sui singoli territori.

La recente disposizione regionale che autorizza un ulteriore conferimento nella discarica di Columbra rischia di essere un palliativo se le ridotte volumetrie disponibili devono servire anche gli altri impianti di trattamento regionali, come purtroppo continua ad avvenire.

Le condivisibili dichiarazioni di principio dell’amministrazione regionale (ogni Ato provinciale deve dotarsi di propri impianti e discariche) devono trovare immediata applicazione anche in questa fase transitoria: per superare l’emergenza e per non generare pericolose quanto sterili contrapposizioni intestine.

Attualmente l’Ato di Crotone può conferire all’impianto di Ponticelli mediamente 100 tonnellate al giorno. Se si considera che nella settimana di fermo si sono accumulate oltre 400 tonnellate di rifiuti, e che la produzione quotidiana di Rsu in città è di 65 tonnellate, va da se che occorreranno circa un paio di settimane per smaltire tutta la spazzatura in strada.

E’ perciò comprensibile l’indignazione dei cittadini, che fa tuttavia il paio con lo sconcerto dello stesso gestore dei servizi di igiene urbana.

E’ evidente ormai che il problema dello smaltimento dei rifiuti richiede un impegno sinergico di tutti soggetti in campo: decisore politico, amministrazioni locali, gestori dei servizi, utenti. E richiede soprattutto un’assunzione di responsabilità collettiva. Su questo fronte Akrea è impegnata in prima linea.

Read more

Ultim’ora – Ponticelli riprende l’attività. Da domani inizia lo sgombero dei rifiuti sulle strade

Buone notizie dal fronte rifiuti. Da domani, sabato 23 maggio, Akrea potrà tornare a conferire i rifiuti a Ponticelli. Questo significa che già a partire da domani, e per tutta la prossima settimana, gli operatori di Akrea saranno impegnati a rimuovere i cumuli di spazzatura ammassati lungo le vie cittadine.

La ripresa dell’attività di conferimento è stata resa possibile in forza dell’ordinanza regionale emanata poco fa per superare la fase emergenziale. La disposizione della Regione autorizza la società Ekrò, gestore dell’impianto di selezione di Ponticelli, a effettuare i conferimenti degli scarti di produzione dei rifiuti solidi urbani presso la discarica di Columbra.

Tempi e modalità di conferimento saranno concordati tra l’Ato della provincia di Crotone e la società Sovreco, gestore della discarica.

Read more

Rifiuti e spiagge sporche tra problemi di stoccaggio, emergenza virus e comportamenti sconsiderati

Permane purtroppo critica la situazione dei rifiuti in tutta la Calabria. Come riferito in una nota precedente, il problema è dovuto al fermo del termovalorizzatore di Gioia Tauro e al contestuale inutilizzo, per decisione della giunta regionale, della discarica di Columbra, che accoglie da anni gli scarti di lavorazione degli impianti di trattamento dell‘intera regione.

Dopo l’ordinanza di mercoledì della presidente Santelli – che in pratica ha stoppato l’ulteriore sovralzo della discarica di proprietà di Sovreco, ordinando agli Ato delle province calabresi e alla città metropolitana di Reggio Calabria di individuare i rispettivi siti di stoccaggio – i cumuli di spazzatura sulle strade delle città sono sempre più evidenti.

Per rimanere a Crotone, come più volte sottolineato, Akrea è nella impossibilità di effettuare il servizio di raccolta dal momento che l’impianto di selezione di Ponticelli, dove il gestore conferisce i rifiuti solidi urbani, è a sua volta fermo da giorni in attesa di utili indicazioni da Regione e Ato provinciali.

Riceviamo quotidianamente segnalazioni e proteste da parte dei residenti, che comprensibilmente lamentano lo scenario di degrado in città. In proposito, nostro malgrado, non possiamo che ribadire che il problema non è riconducibile a un disservizio del gestore e che, anzi, i primi a essere indignati per questa  situazione imbarazzante sono proprio i lavoratori di Akrea, cittadini di Crotone come gli altri.

Ai nostri sportelli giungono anche segnalazioni di vetri e materiali vari sparsi sulle spiagge, giustamente giudicati pericolosi per l’incolumità delle persone. Al riguardo dobbiamo precisare che Akrea effettua quotidianamente la pulizia degli arenili pubblici nel periodo giugno-agosto previa specifica autorizzazione comunale; in vista dell’imminente avvio della stagione estiva, gli uffici competenti sono al lavoro per predisporre un piano di manutenzione delle spiagge adeguato alle disposizioni governative in materia sanitaria, considerata l’emergenza da covid-19.

Tuttavia, è anche opportuno evidenziare che questa particolare problematica coincide con il periodo post-quarantena, con la ripresa delle attività commerciali e, purtroppo, delle cattive abitudini di qualche sconsiderato insofferente alle regole della civile convivenza.

Read more