Archives for AKREA informa

Sanificazione strade, si continua con le aree interne di quartieri e contrade

Sono appena partite le squadre di Akrea e di Salvaguardia Ambientale per le operazioni di sanificazione delle strade cittadine. Stasera sono previsti interventi nelle vie interne dei quartieri a sud della città: dai rioni S.Francesco e Vescovatello fino a Poggio Pudano.

Saranno effettuati lavori “a mano” utilizzando i vaporizzatori piccoli, visto che le viuzze interne delle suddette zone non consentono l’accesso dei mezzi pesanti.

Ieri sono state completate le operazioni  di disinfezione dentro i quartieri di Farina e Tufolo: via Russia, via Polonia, via Finlandia, etc. Stamattina il personale delle due aziende ha eseguito il lavaggio delle strade interne nelle contrade situate a nord della città: Gabella e Margherita.

Domani, invece, si tornerà in centro e gli interventi saranno estesi alle aree interne della zona del Castello, da via Risorgimento a scendere fino alle traverse di via Interna Marina.

 

Read more

Lavaggio strade, oggi interventi nella zona sud della città. Domani nelle contrade

Prosegue la collaborazione tra Akrea e Salvaguardia Ambientale per le operazioni di sanificazione delle strade cittadine. Una sinergia che, nell’ora dell’emergenza sanitaria, sta ottimizzando risorse e professionalità del gestore pubblico dei servizi di igiene urbana e della società privata che fa capo al Gruppo Envì di Gianni Vrenna.

Questa sera, con inizio alle ore 18,30, il personale delle due aziende effettuerà interventi nell’area sud della città, esattamente nel perimetro che va da piazza Francesco Corrado (la cosiddetta “Fontana”) fino al “Lampanaro”, passando dal rione S.Francesco. Saranno utilizzati due automezzi muniti di vaporizzatore e tre lavastrade.

Ieri è stato eseguito il lavaggio delle vie nelle frazioni di Papanice e Apriglianello; domani si provvederà a sanificare le contrade e altre zone periferiche.

Read more

Coronavirus, informazioni per il conferimento dei rifiuti

L’Istituto superiore di sanità ha reso note alcune prescrizioni per il corretto conferimento dei rifiuti durante il periodo di emergenza sanitaria dovuto alla diffusione del coronavirus.

Nello specifico, chi è positivo o in quarantena obbligatoria non deve più differenziare i rifiuti domestici, ma gettare nello stesso contenitore della indifferenziata anche tutte le altre tipologie di rifiuti – plastica, vetro, carta, metallo e umido – utilizzando due o tre sacchetti (uno dentro l’altro) possibilmente resistenti.

Anche i fazzoletti, le mascherine, i guanti e i teli monouso vanno gettati nello stesso contenitore per la raccolta indifferenziata. Nell’effettuare tale operazione occorre indossare guanti monouso, assicurandosi di chiudere bene i sacchetti senza schiacciarli con le mani e utilizzando dei lacci di chiusura o nastro adesivo una volta chiusi i sacchetti. I guanti usati vanno poi buttati in sacchetti (due o tre, uno dentro l’altro) per la raccolta indifferenziata. E’ importante lavarsi le mani subito dopo aver effettuato tali operazioni.

Chi invece non è positivo al tampone e non è in quarantena può continuare a differenziare i propri rifiuti negli appositi cassonetti: bianco per la carta, campana verde per il vetro e azzurro per plastica e metallo. In caso di raffreddore, i fazzoletti di carta vanno buttati nel cassonetto della raccolta indifferenziata, così come mascherine e guanti nel caso di utilizzo. Per tutti i rifiuti indifferenziati occorre adoperare sempre due o tre sacchetti (possibilmente resistenti, uno dentro l’altro) e assicurarsi di chiudere bene il sacchetto. 

Nella locandina in home page sono riepilogate le raccomandazioni dell’Iss.

Akrea ha poi elaborato un vademecum per tutti gli avventori (soggetti esterni e interni) dei luoghi di lavoro aziendali. Le raccomandazioni valgono sia per gli utenti che dovessero portare rifiuti ingombranti (mobili di arredo, materassi, etc.) e Raee (apparecchi elettronici ed elettrici) presso le isole ecologiche, sia per il personale interno che accede allo stabilimento.

Nel poster riprodotto nella gallery sono riportate le informazioni specifiche.

Read more

Sanificazione strade cittadine, in campo anche Salvaguardia Ambientale

Anche Salvaguardia Ambientale scende in campo, in questo momento di estrema emergenza, in segno di solidarietà con l’Amministrazione comunale e l’intera cittadinanza crotonese.

Domani, giovedì 19 marzo, la società di Gianni Vrenna metterà a disposizione due automezzi e personale proprio per  effettuare interventi di sanificazione con  ipocloruro di sodio (varichina, sostanza peraltro consigliata dal Cnr per la disinfezione anche delle superficie di casa) lungo il tragitto che va da via R.Margherita fino a Casarossa, in pratica tutto il lungomare cittadino.

L’operazione sarà ripetuta il giorno dopo, venerdì, su un’area che sarà concordata con i tecnici di Akrea. L’iniziativa è stata apprezzata, tra gli altri, anche dal Cda della società in house, che esprime sincera gratitudine a Gianni Vrenna e a tutti i lavoratori di Salvaguardia Ambientale per il concreto e significativo gesto di cooperazione con il gestore.

Akrea, intanto, prosegue i suoi interventi di routine. Ieri e oggi è stato eseguito il lavaggio delle arterie cittadine che ricadono nel perimetro Via Gramsci- Vecchia Carrara-Libertà-XXV Aprile-Giovanni Paolo II- Cooperative Ises-Cooperativa Scintille-San Francesco.

Domani, giovedì, sarà il turno di via delle Nazioni Unite, nella zona di Farina-Tufolo, dalla chiesa di S.Maria fino all’incrocio con piazza Gerardo Sasso.

Read more

Lavaggio strade, completate le vie del centro. A giorni interventi nelle altre zone

Sono terminate alle ore 12, come previsto, le operazioni di lavaggio delle strade del centro cittadino iniziate all’alba di questa mattina nell’ambito degli interventi richiesti dall’Amministrazione comunale per l’emergenza sanitaria.

Akrea ha effettuato interventi in Piazza Pitagora e lungo via Veneto, via Reggio, via Poggioreale, via Regina Margherita, via Gallucci.

Domani, domenica 15 marzo, gli operatori provvederanno a lavare, come di consueto, le aree mercatali: il mercato generale di via Corridoni e tutti i mercati rionali.

Nei prossimi giorni saranno pianificati, di concerto con i competenti uffici comunali, gli interventi nelle altre zone della città per coprire tutto il perimetro urbano, comprese le frazioni e i quartieri più periferici.

Read more

Lavaggio strade, da domani interventi durante la mattinata

Dalle ore 5:00 di domani mattina, 14 marzo, Akrea provvederà al lavaggio delle strade cittadine, a incominciare dalle vie del centro.

Nel caso dei portici di piazza Pitagora saranno vaporizzati a mano prodotti adatti allo specifico tipo di pavimentazione, mentre nelle altre zone verranno impiegate le macchine lavastrade, sempre con l’utilizzo di prodotti atossici.

Secondo le disposizioni dell’Amministrazione comunale, gli interventi di lavaggio non avverranno più nelle ore notturne, come è stato finora, ma durante le ore diurne.

Visti i più recenti provvedimenti governativi connessi all’emergenza sanitaria, appare superfluo raccomandare ai cittadini di rimanere nelle proprie abitazioni al fine di rendere più agevole il lavoro degli operatori.

 

Read more

Emergenza Covid-19, Akrea chiude l’ufficio al pubblico

In considerazione del DPCM del 10 marzo 2020 conseguente alla diffusione del contagio da Covid-19, Akrea comunica a tutta l’utenza che i servizi al pubblico saranno effettuati esclusivamente tramite contatti telefonici e di posta elettronica.

Si invitano pertanto tutti gli interessati a non recarsi personalmente presso la nostra sede ma di contattare il personale d’ufficio al numero 0962 29918 o all’indirizzo e-mail assistenzaclienti@akreaspa.com.

Certi della collaborazione, il Presidente, il Consiglio d’amministrazione e il personale di Akrea augura a tutti i cittadini una buona giornata.

Read more

Porto, Akrea non autorizzata a raccogliere rifiuti pericolosi

Riceviamo da alcuni privati cittadini segnalazioni circa la presenza di cumuli di immondizia in alcune zone del porto turistico, in concomitanza con lo svolgimento della manifestazione velistica Carnival Race. Nel merito Akrea, chiamata in causa per un presunto “disservizio”, ritiene opportuno precisare quanto segue.

In forza dell’attuale contratto di servizio, Akrea è autorizzata alla raccolta dei soli RSU (rifiuti solidi urbani) in tutto il perimetro cittadino, tranne gli spazi privati e quelli ad uso pubblico di cui risultano concessionari enti e Autorità militari e civili (stazione ferroviaria, porto, etc.).

Sia nell’edizione di quest’anno della Carnival Race, sia in quella del 2019, Akrea è stata incaricata dall’Amministrazione comunale, a sua volta in accordo con l’Autorità portuale, a svolgere i servizi di spazzamento e raccolta di immondizia nel perimetro portuale. Nell’area interessata sono stati perciò dislocati, per il periodo della manifestazione velistica, i cassonetti per la raccolta differenziata, mentre gli operatori con le spazzatrici elettriche hanno svolto il lavoro assegnato, anche con orari straordinari, come dimostrano le foto nella gallery.

I rifiuti accumulati ai margini del molo antistante la Lega navale (oli combustibili, scarichi di lavorazione delle imbarcazioni, etc.) non sono stati rimossi in quanto trattasi di rifiuti classificati dall’attuale normativa come “pericolosi”, per i quali è richiesta una preventiva caratterizzazione da parte di operatori specializzati.

In proposito vi è da rilevare che iniziative spontanee di rimozione di tali rifiuti, ancorché apprezzabili per il riconosciuto  valore civico, rischiano di produrre effetti ambientali ancora più dannosi se non eseguite adeguatamente. Infatti, i rifiuti pericolosi smaltiti nei cassonetti, non ricevendo il prescritto trattamento, sono destinati alla discarica e quindi trasformarsi in potenziali agenti inquinanti.

Read more

Per chi suona la campana

Nell’epoca della post verità, per celebrare un funerale non c’è necessariamente bisogno del morto. Basta il morto presunto. Così accade in questi giorni ad Akrea, azienda pubblica da sempre nelle mire dei cassamortari locali (con tutto il rispetto per i professionisti delle onoranze funebri), i quali, evidentemente stanchi di aspettare, hanno pensato bene di certificarne essi stessi la dipartita.

Ricorrendo, come i vati, alla interpretazione dei segni.

Nel caso specifico, ai recenti provvedimenti che hanno interessato la società in house del Comune di Crotone: proroga a tempo del contratto di servizio e dismissione delle attività affidate agli ausiliari del traffico.

Visto, però, che siamo nel campo delle interpretazioni (attività soggettiva per definizione), proviamo a fornire anche noi una chiave di lettura degli interventi commissariali. Partendo proprio dalle attribuzioni in capo al Commissario prefettizio (da alcuni definito addirittura “sindaco”), che sono quelle dell’ordinaria amministrazione.

Non è precisazione di poco conto. Esercitare funzioni amministrative non è la stessa cosa che determinare scelte strategiche o assumere compiti di governo, prerogative che nel nostro ordinamento sono proprie del soggetto politico liberamente scelto dai cittadini attraverso il voto.

La proroga, fino al 30 aprile, concessa ad Akrea per lo svolgimento del servizio di igiene urbana era un atto necessario, essendo scaduto il 31 dicembre scorso il contratto che regola i rapporti tra la partecipata e l’ente comunale che ne detiene l’intero capitale sociale. Da alcuni profeti di sventura la brevità del periodo di proroga (quattro mesi) è stata intesa alla stregua di un bollettino medico: una sorta di prognosi riservata a cui seguirà inevitabilmente il decesso.

E se, invece, le cose non stessero così?

La ratio dell’atto commissariale potrebbe essere addirittura opposta a quella auspicata dai fautori del fine vita. Per esempio, potrebbe preludere alla volontà di mettere l’azienda di servizio finalmente nelle condizioni di operare con risorse e mezzi adeguati alla bisogna.

Un obiettivo che, però, necessita di un passaggio preliminare: riempire di contenuti una scatola vuota. Il riferimento è all’Ato 3, l’Ambito territoriale ottimale previsto dalla legge regionale di riordino del sistema dei rifiuti, che dopo tre anni risulta essere ancora in nuce a causa dell’inerzia dei ventisette comuni, compreso quello di Crotone, che lo compongono.

L’Ato è, infatti, il solo organismo deputato a fornire le linee di indirizzo per una gestione ottimale di tutta la filiera dei rifiuti nell’area d’ambito (Aro) di riferimento, che nel caso di Crotone coincide con il territorio provinciale.

All’Ato compete individuare le piattaforme di selezione e le discariche di servizio. Spetta all’Ato stabilire se dotarsi di una società in house per lo svolgimento del servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti, o se invece affidarlo a un gestore privato mediante procedura di gara a evidenza pubblica.

Visto sotto questa luce, l’atto di proroga, ancorché di portata temporale limitata, rivela un carattere di “propedeuticità” (ignorato dagli analisti delle cose pitagoriche) e appare assolutamente condivisibile poiché diretto a rimuovere una “desistenza decisionale” che era divenuta obiettivamente imbarazzante.

Quanto al secondo provvedimento, quello che riguarda gli ausiliari del traffico, è risaputo che la normativa vigente non consente alle società partecipate di svolgere attività diverse da quelle per le quali le stesse sono state costituite e, comunque, che non abbiano il requisito del prevalente interesse pubblico. Inoltre, la convenzione per il servizio di gestione della sosta regolamentata era scaduta lo scorso novembre, dopo ben due proroghe.

La questione era stata posta all’attenzione dell’amministrazione Pugliese già nel settembre scorso dal compianto presidente Rocco Gaetani, il quale faceva rilevare l’urgenza di un intervento risolutore per i tredici lavoratori regolarmente assunti con contratto a tempo indeterminato all’epoca della prima giunta Vallone. Così è accaduto per il personale adibito al settore pubblicità e affissioni (Tosap) e per gli operatori del verde pubblico in forza ad Akrea, per i quali l’azienda ha più volte sollecitato (senza esito) l’accorpamento nell’organico che svolge lo stesso servizio per conto del Comune.

Come si vede, non è semplice muoversi nelle cristallerie. Il rischio di ferirsi c’è sempre. Ma noi abbiamo fiducia nell’operato di questo Commissario prefettizio, Tiziana Costantino, che sta dimostrando di saper coniugare il rigore istituzionale richiesto dalla sua funzione con una profonda sensibilità umana.

Ciò che non si può dire per gli inquilini indigeni di piazza Municipio, molti dei quali, in uno con le cassandre da tastiera, preferiscono intonare il requiem ai loro concittadini in difficoltà. A costoro, espressioni della più autentica antropologia crotonese, vogliamo indirizzare le parole di Ernest Hemingway che hanno ispirato il titolo a queste brevi considerazioni.

Quando senti suonare la campana non chiederti per chi suona. Essa suona anche per te.

Read more

Raimondo Mancini facente funzioni in attesa del nuovo presidente

Assicurare continuità operativa all’azienda per non pregiudicare un servizio di pubblica utilità, nell’interesse della comunità cittadina e degli stessi lavoratori. E’ stata questa la priorità evidenziata dai due membri del Consiglio d’amministrazione di Akrea, gli avvocati Raimondo Mancini ed Erminia Longo, nella riunione convocata d’urgenza martedì scorso, all’indomani delle esequie del presidente Rocco Gaetani, prematuramente scomparso nella serata di sabato 18 gennaio.

Presente anche l’intero Collegio sindacale, si è convenuto di affidare temporaneamente l’incarico di presidente facente funzioni al Consigliere anziano, l’avvocato Raimondo Mancini.

Ieri pomeriggio, mercoledì 22 gennaio, i due amministratori hanno incontrato presso il Palazzo comunale il Commissario prefettizio, dottoressa Tiziana Costantino.

L’incontro, svoltosi in un clima di massima cordialità e in perfetta sintonia con lo spirito di collaborazione che aveva caratterizzato l’approccio tra il rappresentante di governo e il compianto presidente Rocco Gaetani, è servito per fare il punto sull’iter che dovrà portare alla ricomposizione dell’organo societario e alla designazione del nuovo presidente.

Read more