Comune Crotone

Gestione impianti sportivi, firmato atto di concessione ad Akrea

COMUNICATO STAMPA

Si è tenuta ieri sera nello studio del notaio Andrea Proto l’assemblea straordinaria di Akrea con all’ordine del giorno la modifica dello statuto della partecipata pubblica.

Per il socio unico, il Comune di Crotone, era presente la dirigente del settore Attività produttive, dottoressa Maria Teresa Timpano; per Akrea Spa, il presidente ingegnere Gianluca Giglio, il consigliere avvocato Raimondo Mancini e il Collegio dei revisori al completo.

La modifica dello statuto si è resa necessaria, in particolare, per l’affidamento della gestione degli impianti sportivi in capo alla società in house providing, adempimento propedeutico alla firma dell’atto di concessione avvenuta nella stessa serata nella sede municipale.

Oltre alle strutture sportive, l’oggetto sociale di Akrea è stato integrato con l’attribuzione di ulteriori competenze in tema di Aree mercatali, Fiere, Strutture ricreative e culturali e, più in generale, in materia di servizi pubblici locali.

In forza della concessione, Akrea sarà il soggetto incaricato di indire gli avvisi per l’assegnazione degli spazi di Palakrò, Palamilone e Settore B alle Associazioni sportive che ne faranno richiesta, avendo come linea guida la tutela del diritto universale alla pratica sportiva e l’equilibrio finanziario dell’attività di gestione a salvaguardia del bilancio pubblico.

Nella redazione degli avvisi Akrea sarà supportata dalla società pubblica Sport e Salute Spa, braccio operativo del Ministero dello Sport, che si è reso disponibile per monitorare l’esecuzione dei vari step procedurali, mentre l’ente comunale provvederà alla verifica delle condizioni strutturali dei vari edifici e agli interventi necessari per la messa in esercizio degli stessi.

Akrea, interpretando le esigenze delle Associazioni sportive, produrrà il massimo sforzo per garantire la fruibilità dei tre impianti compatibilmente con la ripresa delle attività agonistiche.

Read more

Emergenza rifiuti, si va verso la normalizzazione. Aumentato il volume dei conferimenti

Spiragli di luce sulla situazione rifiuti in città. Le ultime notizie che arrivano dalla direzione dell’Ato provinciale di Crotone fanno ben sperare in una soluzione dell’emergenza che si è venuta a creare nelle ultime due settimane a causa delle criticità delle filiere regionali. 

Nella giornata di domani, infatti, l’impianto di Ponticelli potrà accettare fino a 190 tonnellate di Rsu (circa il doppio del quantitativo attuale), che sommate alle 100 tonnellate di oggi porteranno il totale dei rifiuti trattati a quasi 300 tonnellate. L’aumento del conferimento nella stazione di lavorazione è la diretta conseguenza delle volumetrie riservate alla sola città di Crotone nella discarica di Columbra, dove vengono trasferiti gli scarti di lavorazione. Un risultato ottenuto grazie al lavoro sinergico di Amministrazione comunale e Autorità provinciali, che ci si augura possa dispiegare effetti più durevoli in attesa della revisione dell’intero sistema dei rifiuti calabrese.

Dal canto suo, Akrea si è fatta trovare pronta per organizzare nel modo più efficace il servizio di raccolta. Una task force di oltre cinquanta operatori è all’opera da questa notte per rimuovere dalle strade (incluse le contrade e le periferie) i residui della spazzatura accumulata, provvedendo anche al lavaggio delle stesse.

Gli interventi, che richiedono un impiego straordinario di uomini e mezzi ai quali l’azienda provvederà con risorse proprie, sono stati programmati nella serata di ieri nel corso di una articolata riunione tra dirigenza e personale, appena giunta conferma della disponibilità del maggior volume di conferimento.

Un capitolo a parte, invece, merita la raccolta dei materiali ingombranti. Un fenomeno che ha fatto registrare una crescita considerevole, in particolare nell’ultimo anno, sulla cui natura è in corso un’analisi più approfondita da parte di Akrea poiché incide pesantemente non solo sul decoro urbano ma anche sulle casse dell’azienda pubblica.

Nei prossimi giorni saranno perfezionate le convenzioni con le imprese specializzate nella lavorazione di questa tipologia di rifiuti, per le quali sono necessari idonei adempimenti amministrativi con il Comune.

Appena definiti gli accordi, saranno maggiormente fruibili le isole ecologiche di via Saffo e piazzale della Pace, dove gli utenti – giova ribadirlo – sono invitati a conferire i materiali.

Read more

Assemblea Akrea, l’ingegnere Gianluca Giglio nominato presidente dell’azienda

Il Commissario straordinario del Comune di Crotone, socio unico della Akrea Spa, ha nominato l’ingegnere Gianluca Giglio quale terzo componente del Cda aziendale, indicandolo per la presidenza.

La nomina è stata formalizzata oggi nel corso dell’assemblea dei soci svoltasi via Skype alle ore 17. Per Akrea erano presenti i due consiglieri, avvocato Raimondo Mancini, attuale presidente facente funzione, l’avvocato Erminia Longo e i tre componenti il collegio sindacale, dott. Maurizio Racco, dott. Maurizio Macrì, rag. Silvana Buscema.

L’ingegnere Giglio si è laureato in ingegneria gestionale all’Università della Calabria e ha conseguito un master in business administration presso l’Università di Bologna. Ha maturato le sue competenze nel Gruppo Hera, multiutility emiliana attiva nei settori della gestione dei rifiuti, dell’energia e delle telecomunicazioni.

Come riporta il suo profilo LinkedIn, ha anche ricoperto la carica di Responsabile della gestione del personale, sviluppo e organizzazione nel gruppo Manutencoop Facility Management di Bologna, operatore attivo a livello nazionale nella gestione e nell’erogazione di servizi integrati alla clientela pubblica e privata, rivolti agli immobili, al territorio e a supporto dell’attività sanitaria.

Read more

Sanificazione strade cittadine, in campo anche Salvaguardia Ambientale

Anche Salvaguardia Ambientale scende in campo, in questo momento di estrema emergenza, in segno di solidarietà con l’Amministrazione comunale e l’intera cittadinanza crotonese.

Domani, giovedì 19 marzo, la società di Gianni Vrenna metterà a disposizione due automezzi e personale proprio per  effettuare interventi di sanificazione con  ipocloruro di sodio (varichina, sostanza peraltro consigliata dal Cnr per la disinfezione anche delle superficie di casa) lungo il tragitto che va da via R.Margherita fino a Casarossa, in pratica tutto il lungomare cittadino.

L’operazione sarà ripetuta il giorno dopo, venerdì, su un’area che sarà concordata con i tecnici di Akrea. L’iniziativa è stata apprezzata, tra gli altri, anche dal Cda della società in house, che esprime sincera gratitudine a Gianni Vrenna e a tutti i lavoratori di Salvaguardia Ambientale per il concreto e significativo gesto di cooperazione con il gestore.

Akrea, intanto, prosegue i suoi interventi di routine. Ieri e oggi è stato eseguito il lavaggio delle arterie cittadine che ricadono nel perimetro Via Gramsci- Vecchia Carrara-Libertà-XXV Aprile-Giovanni Paolo II- Cooperative Ises-Cooperativa Scintille-San Francesco.

Domani, giovedì, sarà il turno di via delle Nazioni Unite, nella zona di Farina-Tufolo, dalla chiesa di S.Maria fino all’incrocio con piazza Gerardo Sasso.

Read more

Lavaggio strade, completate le vie del centro. A giorni interventi nelle altre zone

Sono terminate alle ore 12, come previsto, le operazioni di lavaggio delle strade del centro cittadino iniziate all’alba di questa mattina nell’ambito degli interventi richiesti dall’Amministrazione comunale per l’emergenza sanitaria.

Akrea ha effettuato interventi in Piazza Pitagora e lungo via Veneto, via Reggio, via Poggioreale, via Regina Margherita, via Gallucci.

Domani, domenica 15 marzo, gli operatori provvederanno a lavare, come di consueto, le aree mercatali: il mercato generale di via Corridoni e tutti i mercati rionali.

Nei prossimi giorni saranno pianificati, di concerto con i competenti uffici comunali, gli interventi nelle altre zone della città per coprire tutto il perimetro urbano, comprese le frazioni e i quartieri più periferici.

Read more

Lavaggio strade, da domani interventi durante la mattinata

Dalle ore 5:00 di domani mattina, 14 marzo, Akrea provvederà al lavaggio delle strade cittadine, a incominciare dalle vie del centro.

Nel caso dei portici di piazza Pitagora saranno vaporizzati a mano prodotti adatti allo specifico tipo di pavimentazione, mentre nelle altre zone verranno impiegate le macchine lavastrade, sempre con l’utilizzo di prodotti atossici.

Secondo le disposizioni dell’Amministrazione comunale, gli interventi di lavaggio non avverranno più nelle ore notturne, come è stato finora, ma durante le ore diurne.

Visti i più recenti provvedimenti governativi connessi all’emergenza sanitaria, appare superfluo raccomandare ai cittadini di rimanere nelle proprie abitazioni al fine di rendere più agevole il lavoro degli operatori.

 

Read more

Porto, Akrea non autorizzata a raccogliere rifiuti pericolosi

Riceviamo da alcuni privati cittadini segnalazioni circa la presenza di cumuli di immondizia in alcune zone del porto turistico, in concomitanza con lo svolgimento della manifestazione velistica Carnival Race. Nel merito Akrea, chiamata in causa per un presunto “disservizio”, ritiene opportuno precisare quanto segue.

In forza dell’attuale contratto di servizio, Akrea è autorizzata alla raccolta dei soli RSU (rifiuti solidi urbani) in tutto il perimetro cittadino, tranne gli spazi privati e quelli ad uso pubblico di cui risultano concessionari enti e Autorità militari e civili (stazione ferroviaria, porto, etc.).

Sia nell’edizione di quest’anno della Carnival Race, sia in quella del 2019, Akrea è stata incaricata dall’Amministrazione comunale, a sua volta in accordo con l’Autorità portuale, a svolgere i servizi di spazzamento e raccolta di immondizia nel perimetro portuale. Nell’area interessata sono stati perciò dislocati, per il periodo della manifestazione velistica, i cassonetti per la raccolta differenziata, mentre gli operatori con le spazzatrici elettriche hanno svolto il lavoro assegnato, anche con orari straordinari, come dimostrano le foto nella gallery.

I rifiuti accumulati ai margini del molo antistante la Lega navale (oli combustibili, scarichi di lavorazione delle imbarcazioni, etc.) non sono stati rimossi in quanto trattasi di rifiuti classificati dall’attuale normativa come “pericolosi”, per i quali è richiesta una preventiva caratterizzazione da parte di operatori specializzati.

In proposito vi è da rilevare che iniziative spontanee di rimozione di tali rifiuti, ancorché apprezzabili per il riconosciuto  valore civico, rischiano di produrre effetti ambientali ancora più dannosi se non eseguite adeguatamente. Infatti, i rifiuti pericolosi smaltiti nei cassonetti, non ricevendo il prescritto trattamento, sono destinati alla discarica e quindi trasformarsi in potenziali agenti inquinanti.

Read more

Per chi suona la campana

Nell’epoca della post verità, per celebrare un funerale non c’è necessariamente bisogno del morto. Basta il morto presunto. Così accade in questi giorni ad Akrea, azienda pubblica da sempre nelle mire dei cassamortari locali (con tutto il rispetto per i professionisti delle onoranze funebri), i quali, evidentemente stanchi di aspettare, hanno pensato bene di certificarne essi stessi la dipartita.

Ricorrendo, come i vati, alla interpretazione dei segni.

Nel caso specifico, ai recenti provvedimenti che hanno interessato la società in house del Comune di Crotone: proroga a tempo del contratto di servizio e dismissione delle attività affidate agli ausiliari del traffico.

Visto, però, che siamo nel campo delle interpretazioni (attività soggettiva per definizione), proviamo a fornire anche noi una chiave di lettura degli interventi commissariali. Partendo proprio dalle attribuzioni in capo al Commissario prefettizio (da alcuni definito addirittura “sindaco”), che sono quelle dell’ordinaria amministrazione.

Non è precisazione di poco conto. Esercitare funzioni amministrative non è la stessa cosa che determinare scelte strategiche o assumere compiti di governo, prerogative che nel nostro ordinamento sono proprie del soggetto politico liberamente scelto dai cittadini attraverso il voto.

La proroga, fino al 30 aprile, concessa ad Akrea per lo svolgimento del servizio di igiene urbana era un atto necessario, essendo scaduto il 31 dicembre scorso il contratto che regola i rapporti tra la partecipata e l’ente comunale che ne detiene l’intero capitale sociale. Da alcuni profeti di sventura la brevità del periodo di proroga (quattro mesi) è stata intesa alla stregua di un bollettino medico: una sorta di prognosi riservata a cui seguirà inevitabilmente il decesso.

E se, invece, le cose non stessero così?

La ratio dell’atto commissariale potrebbe essere addirittura opposta a quella auspicata dai fautori del fine vita. Per esempio, potrebbe preludere alla volontà di mettere l’azienda di servizio finalmente nelle condizioni di operare con risorse e mezzi adeguati alla bisogna.

Un obiettivo che, però, necessita di un passaggio preliminare: riempire di contenuti una scatola vuota. Il riferimento è all’Ato 3, l’Ambito territoriale ottimale previsto dalla legge regionale di riordino del sistema dei rifiuti, che dopo tre anni risulta essere ancora in nuce a causa dell’inerzia dei ventisette comuni, compreso quello di Crotone, che lo compongono.

L’Ato è, infatti, il solo organismo deputato a fornire le linee di indirizzo per una gestione ottimale di tutta la filiera dei rifiuti nell’area d’ambito (Aro) di riferimento, che nel caso di Crotone coincide con il territorio provinciale.

All’Ato compete individuare le piattaforme di selezione e le discariche di servizio. Spetta all’Ato stabilire se dotarsi di una società in house per lo svolgimento del servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti, o se invece affidarlo a un gestore privato mediante procedura di gara a evidenza pubblica.

Visto sotto questa luce, l’atto di proroga, ancorché di portata temporale limitata, rivela un carattere di “propedeuticità” (ignorato dagli analisti delle cose pitagoriche) e appare assolutamente condivisibile poiché diretto a rimuovere una “desistenza decisionale” che era divenuta obiettivamente imbarazzante.

Quanto al secondo provvedimento, quello che riguarda gli ausiliari del traffico, è risaputo che la normativa vigente non consente alle società partecipate di svolgere attività diverse da quelle per le quali le stesse sono state costituite e, comunque, che non abbiano il requisito del prevalente interesse pubblico. Inoltre, la convenzione per il servizio di gestione della sosta regolamentata era scaduta lo scorso novembre, dopo ben due proroghe.

La questione era stata posta all’attenzione dell’amministrazione Pugliese già nel settembre scorso dal compianto presidente Rocco Gaetani, il quale faceva rilevare l’urgenza di un intervento risolutore per i tredici lavoratori regolarmente assunti con contratto a tempo indeterminato all’epoca della prima giunta Vallone. Così è accaduto per il personale adibito al settore pubblicità e affissioni (Tosap) e per gli operatori del verde pubblico in forza ad Akrea, per i quali l’azienda ha più volte sollecitato (senza esito) l’accorpamento nell’organico che svolge lo stesso servizio per conto del Comune.

Come si vede, non è semplice muoversi nelle cristallerie. Il rischio di ferirsi c’è sempre. Ma noi abbiamo fiducia nell’operato di questo Commissario prefettizio, Tiziana Costantino, che sta dimostrando di saper coniugare il rigore istituzionale richiesto dalla sua funzione con una profonda sensibilità umana.

Ciò che non si può dire per gli inquilini indigeni di piazza Municipio, molti dei quali, in uno con le cassandre da tastiera, preferiscono intonare il requiem ai loro concittadini in difficoltà. A costoro, espressioni della più autentica antropologia crotonese, vogliamo indirizzare le parole di Ernest Hemingway che hanno ispirato il titolo a queste brevi considerazioni.

Quando senti suonare la campana non chiederti per chi suona. Essa suona anche per te.

Read more

Ponticelli, sospensione conferimento Rsu da giovedì a domenica

Nei giorni di giovedì 7, venerdì 8, sabato 9 e domenica 10 novembre prossimi è sospeso il conferimento dei rifiuti indifferenziati RSU (rifiuti solidi urbani) presso l’impianto di Ponticelli. Lo comunica la società Ekrò, gestore del sito di selezione, con una nota nella quale si precisa che la sospensione si è resa necessaria per “permettere l’esecuzione dei lavori di riefficientamento nella zona di ricezione dei rifiuti”.

Nonostante le difficoltà tecniche, Akrea continuerà ad assicurare il servizio di raccolta di tutte le frazioni differenziate dei rifiuti (organico, multimateriale, carta e vetro).

Al fine di limitare i disagi, Akrea invita gli utenti a una maggiore collaborazione, raccomandando di separare i propri rifiuti domestici e di smaltirli negli specifici cassonetti: blu per il multimateriale, campana verde per il vetro, cassone bianco per carta e cartone e contenitore verde per l’umido (scarti da cucina).

Con l’occasione si ricorda che a breve, come già annunciato nei giorni scorsi, sarà potenziata  la raccolta differenziata su strada in una vasta zona della città. L’iniziativa coinvolgerà inizialmente circa seimila nuclei famigliari e sarà poi estesa a tutta l’area urbana.

Read more

Rifiuti, ridotta capacità di smaltimento. Akrea invita a limitare il conferimento

A fronte delle numerose segnalazioni di accumulo di rifiuti che stanno pervenendo ad Akrea in questi ultimi due giorni, l’azienda tiene a informare gli utenti che il disagio non è dovuto a carenze del servizio del gestore, ma alle difficoltà di scarico presso i siti di smaltimento.

A Crotone la produzione media giornaliera di rifiuti si attesta sulle 80/90 tonnellate; attualmente Akrea ne riesce a conferire soltanto 50 al giorno.

Il problema è costantemente monitorato dall’azienda, che lo ha portato all’attenzione degli Enti di competenza.

Akrea si fa interprete delle difficoltà degli utenti e apprezza lo spirito collaborativo con cui gran parte di essi invia le segnalazioni, cercando di darvi risposta con il massimo impegno.

Pertanto, al fine di consentire una rapida normalizzazione della situazione, rivolge appello a tutti i cittadini affinché limitino, per quanto possibile, il conferimento di “tal quale” nei prossimi due giorni, ricordando che, in ogni caso, è vietato l’abbandono incontrollato di rifiuti sul suolo pubblico.

Read more